In Gran Bretagna si va alle origini del cinema d’eros

Il British Film Institute ha trasformato in file digitali e resi disponibili al pubblico diverse migliaia di film erotici e piccanti della storia del cinema del genere. La collezione online, chiamata “The Pleasure Principle” include anche “Victorian Lady in Her Boudoir”, il più antico film erotico della Gran Bretagna.

Appassionati di cinema, e soprattutto di quello a luci rosse, questa notizia è interessante proprio per voi, e non solo. Il prestigioso British Film Institute (BFI) ha infatti provveduto a digitalizzare e pubblicare online decine di film piccanti prodotti sin dagli albori della “settima arte” nel Paese britannico, che rappresentano una sorta di storia parallela e segreta rispetto a quella del cinema in generale.

origini del cinema eroticoLa storia dell’eros. In questa collezione, intitolata “The pleasure principle”, si va dalle immagini in bianco e nero di una signora vittoriana in sottoveste con volant a dei brevi spezzoni del corpo di una donna nuda che fa capriole al mare, fino a una chiacchierata con un’attrice e modella di film per adulti degli anni Settanta, Fiona Richmond.

Il più antico esemplare ritrovato risale agli albori stessi del cinema: l’invenzione dei fratelli Lumière, infatti, aveva solo pochi mesi quando, nel 1896, in Inghilterra usciva “A Victorian Lady in her Boudoir”, piccolo filmato di un minuto e cinque secondi che mostra uno spogliarello che, in realtà, lasciava intravedere una nudità solo parziale, con ben poco di scoperto.

Un reperto sociale. Eppure, questo primo film erotico di Gran Bretagna è stato molto apprezzato nei club per soli uomini, dove si parlava di politica fumando sigari, come abbiamo imparato a conoscere attraverso i film più canonici. E l’obiettivo del BFI è proprio quello di far uscire dall’anonimato e dalla segretezza le pellicole erotiche della storia della nazione, che in molto casi hanno dovuto anche aggirare rigide e rigorose censure nella produzione.

Molte di queste opere, infatti, non sono mai state mostrate nelle sale regolari, e oggi rappresentano una sorta di documento sociale, che svela il modo in cui è cambiata la percezione del sesso e delle donne.

I film osé in Gran Bretagna. Ad esempio, nell’archivio è recuperato “The Irresponsibles”, film muto del 1929 che contiene al suo interno anche un messaggio “sociale” (attraverso le vicende d’amore di segretarie e danzatrici, infatti, prova a informare sui rischi della sifilide e gonorrea); per non avere guai con la legge, invece, “Action in Slow Motion” del 1943 premetteva di essere realizzato (e mostrar donne nude) “solo per chi aveva scopi artistici”.

Nel dopoguerra, nel 1955, le regole si ammorbidiscono e anche il mondo della celluloide osé viene meno osteggiato, eppure la censura non risparmiò “Vampire”, cortometraggio del 1963 con protagonisti la modella senza veli Pamela Green e un conte Dracula a stento coperto dal mantello.

Piccole rivoluzioni. Molto scandaloso è anche il contenuto del film del 1979 intitolato “Boys and Girls Together”: la sinossi descrive il lavoro come le “avventure sessuali di un gruppo multirazziale di inquilini che condividono una casa ad Hampstead”, ma soprattutto è anche la prima opera certificata che mostra una coppia di uomini gay tra le lenzuola. “Si tratta di un esempio rivoluzionario in modo quasi casuale”, ha detto Vic Pratt. curatore del BFI, che poi ha aggiunto: “C’è molto che possiamo imparare da questi film e sono sicuro che ci saranno molte persone che troveranno la collezione affascinante. Soprattutto, la gente vedrà come le cose sono cambiate, ma anche che ci sono cose che non sono cambiate”.

Per una collezione più recente e attuale di film erotici in dvd, invece, possiamo fare riferimento al portale specializzato nelle luci rosse sexlovershop.com, uno dei punti di riferimento del settore nel nostro Paese.

Related Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi